Il modello Addie, il modo di trasmettere la conoscenza nell’e-learning

creare esperienze di apprendimento
Indice dei contenuti

Che cos'è il modello Addie?

Prima di tutto, ricordiamo che la progettazione didattica è il processo di ideazione e creazione di esperienze di apprendimento. È una strategia utilizzata per sviluppare programmi che massimizzano l’efficienza dell’insegnante nel fornire conoscenze “coinvolgenti” ai discenti.

Sebbene esistano molti modelli di instructional design, il modello Addie è stato la base per i modelli successivi e continua a essere utilizzato oggi da aziende, scuole e altre istituzioni.

In particolare, il modello didattico Addie rappresenta una guida per la costruzione di materiali didattici e corsi online.

Tutto ciò che occorre fare è seguire le cinque fasi in modo graduale e disporre di una piattaforma e-learning competente per implementarlo.

Origine della metodologia Addie

Origine della metodologia Addie

Il modello Addie è nato negli Stati Uniti.

La Florida State University ha sviluppato il framework Addie per servire l’esercito americano. In particolare, sviluppando una metodologia potente e robusta per creare corsi con agilità.

In origine, il modello prevedeva una serie di passaggi in cinque fasi: analisi, progettazione, sviluppo, implementazione e valutazione.

L’idea era di completare ciascuna di queste fasi prima di passare alla successiva.

Nel corso del tempo, il modello Addie è stato rivisto e riorientato, ed è ora più dinamico e interattivo.

Modello Addie: fasi

Como adelantamos, al usar la metodología Addie para clases virtuales debemos recorrer las cinco etapas.

Come già detto, quando si utilizza la metodologia Addie per le classi virtuali, è necessario passare attraverso le cinque fasi.

Tuttavia, anche se si tratta di un modello di lavoro che segue un ordine prestabilito, la valutazione rimane presente in ciascuna delle sue fasi, tra di esse e dopo aver messo il corso a disposizione degli studenti.

Conosciamole!

Fase di analisi

Fase di analisi

La prima fase del modello Addie è la cosiddetta pre-produzione, insieme alla fase successiva.

In sostanza, in questa fase si studiano a fondo i bisogni formativi per diagnosticare in modo adeguato il modo in cui il corso verrà progettato.

In altre parole, deve essere molto chiaro:

Senza dubbio, questo primo passo richiede molto studio e tempo, perché sarà la base per le altre fasi.

Fase di progettazione

Modello Addie: fase di progettazione

Una volta che il contesto è stato accuratamente identificato, inizia la fase di progettazione di Addie.

In linea di massima, consiste nel chiedersi come verrà svolto l’insegnamento, definendo un syllabus o un programma del corso che mira all’obiettivo prefissato.

Questo dovrebbe includere:

In breve, la matrice risultante deve includere tutto ciò che è necessario per sviluppare l’insieme delle strategie didattiche, dove, come abbiamo detto, c’è anche spazio per la tecnologia da utilizzare. Vale a dire, la piattaforma di e-learning.

Fase di sviluppo

fase di sviluppo

Una volta completata la fase precedente, è il momento di “costruire il corso” sulla base delle indicazioni della fase di Addie Design.

Durante la fase di sviluppo, devono essere elaborati tutti i materiali didattici per i diversi moduli del corso.

Si tratta di testi, video, grafica, multimedia, dinamiche di gruppo, esercizi pratici e di valutazione, ecc. che rispondono alle specifiche dell’obiettivo da raggiungere.

I contenuti del corso saranno inoltre caricati sulla piattaforma di e-learning, dove saranno rivisti e sottoposti a debug.

Fase di implementazione

fase di implementazione

Ora è il momento di “farlo accadere“.

La fase di implementazione è quella in cui tutti i processi e i servizi della formazione e-learning vengono messi a disposizione dei discenti.

Si concentra semplicemente sulla “realizzazione del corso” o, in altre parole, sull’erogazione del corso a un campione che corrisponde al profilo dei futuri discenti.

Per fare questo, in primo luogo, gli obiettivi e i risultati attesi devono essere spiegati ai docenti che terranno il corso.

D’altra parte, ai discenti deve essere fornito un percorso corretto per accedere a questi contenuti in modo facile e intuitivo. In questo modo, ci si assicura che comprendano perfettamente il materiale e che l’apprendimento abbia luogo.

Naturalmente, prima che i contenuti vengano pubblicati, è essenziale che vengano valutati.

Fase di valutazione

Fase di valutazione

Infine, c’è la fase che conclude il modello Addie.

È estremamente importante, perché i risultati osservati durante e alla fine della formazione devono essere misurati e calibrati per essere certi che l’obiettivo sia stato raggiunto.

Quasi di norma, a un certo punto può accadere qualcosa che può rovinare l’integrità del progetto. Quindi, se è necessario apportare delle correzioni, è necessario tornare indietro e apportare le modifiche appropriate prima di rilasciare la versione finale.

Se non c’è nulla da correggere, o non appena viene corretto, il corso è finito.

In breve, questa fase serve a determinare se il processo di apprendimento o di formazione sta funzionando davvero.

Paddie +M, fasi aggiuntive del modello Addie

Paddie +M fasi aggiuntive del modello Addie

Potremmo dire che Paddy + M è un’evoluzione del modello Addie, perché risponde a esigenze che vanno oltre l’instructional design.

Molte organizzazioni, infatti, non hanno obiettivi predefiniti (KPI), budget, programmi e finalità del progetto. Ciò che manca è la cosiddetta pianificazione, ovvero sapere cosa si vuole ottenere e in quale forma, quanto costerà, le date di consegna e così via. Questo aspetto è fondamentale.

Da qui la “P” iniziale del modello Paddie: Pianificazione.

D’altra parte, alcune istituzioni hanno modificato questo modello in Paddie + M, dove la “M” sta per Manutenzione del corso.

In particolare, la manutenzione implica un miglioramento continuo, poiché i contenuti vengono riciclati, le strategie possono cambiare e le esigenze dell’azienda o dell’istituzione possono cambiare.

In conclusione, la pianificazione e la manutenzione sono due aspetti fondamentali per il buon sviluppo di qualsiasi progetto.

Come applicare il modello Addie?

Come applicare il modello Addie

Su internet si trovano alcuni esempi di instructional design Addie, ma sarebbe opportuno avere ben chiare le mosse da fare in ogni fase.

Ecco alcune domande che possono aiutarvi a seguire il modello Addie. Rispondete alle domande e adattatele al vostro caso.

Quali elementi identificare nella fase di analisi del modello Addie?

Analisi di Addie

Informazioni sugli studenti

Informazioni sul corso, sul centro e sulla piattaforma di e-learning

Come progettare il "copione" della fase di progettazione di Addie?

Fase de Diseño

Dove concentrarsi nella fase di sviluppo?

Fase di sviluppo

Quali sono i punti da tenere a mente nella fase di implementazione?

Attuazione

E la fase di valutazione del modello Addie?

Valutazione di Addie

Perché scegliere il modello Addie?

Perché scegliere il modello Addie

Fin dalla sua comparsa negli anni ’70, il modello Addie è stato utilizzato dagli instructional designer di tutto il mondo per pianificare le lezioni e sviluppare i programmi di formazione.

Di fatto, è uno dei più influenti e utilizzati fino ad oggi.

Si tratta, ovviamente, di un metodo molto semplice che fornisce risultati comportamentali in ogni fase, poiché tutto viene discusso a fondo per risolvere eventuali conflitti e raggiungere gli obiettivi.

Sebbene sia vero che la metodologia Addie non risolve necessariamente un problema, poiché segue un ordine dall’alto verso il basso, lo sviluppatore di e-learning ha un registro dei progressi per ogni fase.

In ogni caso, la mancanza di flessibilità dovuta alla sua struttura a cascata ha portato ad altri modelli come il SAM che, essendo un po’ più ciclico, permette di correggere il corso del progetto senza dover tornare all’inizio.

In ogni caso, si tratta di una metodologia semplice che può essere applicata a qualsiasi situazione didattica, per cui scegliere il modello Addie per la progettazione di corsi online è comunque una buona idea.

Un'ultima nota su Addie

Un'ultima nota su Addie

Come sapete, il ruolo dell’instructional designer è fondamentale nella produzione e nel risultato di un corso.

In particolare, sia nel definire gli obiettivi, lo scopo o la metodologia, sia nel dare indicazioni precise affinché non ci sia scollamento tra apprendimento e prestazioni.

Tuttavia, affinché l’insegnante sia in grado di gestire gli studenti e di garantire un insegnamento coinvolgente e appropriato, oltre alle competenze deve disporre dei mezzi necessari.

Deve quindi disporre di una piattaforma di e-learning in grado di catturare tutta l’architettura costruita e di realizzare un’esperienza favolosa con risultati straordinari.

Condividi se pensi che possa piacere a qualcuno

Potresti essere interessati a...

La funzione del docente di e-learning

Le funzione del docente di e-learning sono, tra le altre, la guida del discente, la moderazione e la dinamizzazione. Date un’occhiata e diventate i migliori!

Iniziate a erogare formazione online con la migliore piattaforma LMS

Il sistema più semplice con tutto il necessario