SCORM non funziona? Problemi e soluzioni comuni

problemi con scorm
Indice dei contenuti

Abbiamo scaricato un pacchetto SCORM dal sito web del fornitore o ce lo hanno inviato per e-mail. Lo testiamo sulla nostra piattaforma… E lo SCORM non funziona!

È qui che inizia la disperazione.

È necessario che il corso sia pronto, che gli studenti inizino in breve tempo, quindi si contattano i fornitori di contenuti SCORM e il fornitore della piattaforma e-learning.

—Abbiamo testato questo SCORM su diverse piattaforme e ha sempre funzionato”, afferma il fornitore dello SCORM.

—La nostra piattaforma ha caricato molti pacchetti SCORM e non abbiamo mai avuto problemi”, afferma il fornitore di LMS.

E nel mezzo tu, che non sai cosa fare perché il tuo Scorm non funziona.

Come si vede, il problema può provenire da entrambi i lati, anche da fattori esterni. La situazione peggiore è quando lo sviluppatore SCORM vi assicura che tutto è corretto e il vostro fornitore di piattaforma vi risponde con la stessa cosa.

Perché il vostro SCORM non funziona?

Può essere una moltitudine di cose.

Quelli illustrati di seguito sembrano essere i più comuni.

Perche il vostro SCORM non funziona

Autorizzazioni di accesso alla piattaforma di formazione

Se siamo fortunati, al momento del caricamento dello SCORM ci verrà mostrato un messaggio che spiega che l’accesso è stato negato o un’espressione simile che implica la mancanza di permessi.

Quando si tratta di contenuti che si noleggiano e si pagano per l’uso, i fornitori di contenuti devono assicurarsi che il pacchetto sia usato solo da voi e contare quanti studenti vi accedono per poterlo addebitare. Il pacchetto che vi danno non può essere installato su nessuna piattaforma senza controllo, ovviamente.

Supponiamo di avere una piattaforma di e-learning nel dominio www.micampus.com. E che abbiamo stipulato un contratto per contenuti creati da un’azienda il cui dominio è www.tuSCORM.com.

Se il pacchetto SCORM è preparato per un utilizzo a pagamento (licenza), quando viene eseguito su www.micampus.com, internamente lo SCORM si connetterà a www.tuSCORM.com, per chiedere se questo SCORM ha i permessi di accesso a questa piattaforma. Se lo fa, funzionerà correttamente. E se non fosse così?

Problemi SCORM dovuti a un errore di autorizzazione

Se non avessimo i permessi, potrebbero accadere due cose:

Nella nostra esperienza, gli errori di autorizzazione sono piuttosto frequenti.

L’azienda fornitrice deve registrare il dominio del cliente nel proprio sistema ed è possibile che si verifichino errori lungo il percorso, non solo umani.

Se il fornitore di contenuti e il suo fornitore di piattaforma non forniscono un buon servizio, il cliente può trovarsi tra l’incudine e il martello, con uno SCORM che non funziona e nessuna soluzione in vista.

Il pacchetto SCORM non è ben fatto

Ci sono volte in cui uno SCORM non funziona per un semplice motivo, ad esempio è mal fatto, non contiene la struttura giusta, manca di informazioni sul contenuto o qualsiasi altra lacuna nella sua creazione.

Lo SCORM è uno standard con regole (piuttosto rigide) che devono essere seguite. Se una di queste regole non viene rispettata, il pacchetto SCORM non funziona.

Possiamo trovare fornitori di contenuti SCORM molto bravi a generare qualità nel loro lavoro, ma con una certa mancanza di conoscenza delle attività informatiche. In questo caso, potrebbero essere così sfortunati da commettere un errore che viola la conformità agli standard.

Con questi SCORM, può accadere che vengano visualizzati correttamente su alcune piattaforme, ma non su altre.

L’ente che ha sviluppato lo standard ha creato una serie di test e prove per verificare che un pacchetto SCORM sia perfettamente costruito. Ma, a dire il vero, non è un processo facile da realizzare.

In questo caso, lo scenario peggiore è che lo SCORM venga visualizzato correttamente, ma internamente non comunichi correttamente con l’LMS. Ad esempio, non riporta i tempi, il voto di un esercizio, il punto in cui l’allievo è stato lasciato in un accesso precedente, ecc.

Assicuratevi di testare il pacchetto SCORM sul vostro campus virtuale con un discente di prova per verificare che tutti i valori vengano salvati correttamente.

Multisco

Esiste un formato SCORM speciale che può causare problemi: si tratta di MultiSco, uno SCORM che contiene diversi obiettivi di apprendimento. In altre parole, come uno SCORM che contiene altri SCORM al suo interno.

MultiSco è molto potente quando si tratta di creare corsi di una certa complessità, ma è spesso più problematico quando si tratta di leggerli. In effetti, molte piattaforme di e-learning non hanno la possibilità di utilizzarlo, o almeno non senza arrivare a un livello di configurazione molto avanzato.

Nel caso di evolCampus, abbiamo optato per l’opzione di creare un sistema di importazione per questi file che genera prima la struttura multiSCO e carica ogni singolo SCORM in ogni sezione della struttura. In questo modo non perdiamo la potenza del nostro campus virtuale e manteniamo la struttura programmata per i contenuti.

SCORM 1.2 e SCORM 2004

Lo SCORM è un formato molto vecchio (dal punto di vista informatico), la versione 1.2 è stata pubblicata nel 2000. Successivamente è stata pubblicata la versione 2004, aggiornata alla quarta edizione pubblicata nel 2009.

Queste nuove versioni non sono compatibili tra loro. Lo standard è stato reso più complesso e con esso sono aumentati i problemi sia nella costruzione degli SCORM che nel caricamento sulla piattaforma di formazione scelta.

In effetti, Moodle ha smesso di supportare SCORM 2004 qualche tempo fa. La versione del 2004 porta pochi benefici e aggiunge invece complessità e problemi.

Per questo motivo, sia gli sviluppatori di contenuti che quelli di piattaforme e-learning preferiscono ancora la versione 1.2 dello SCORM che, nonostante sia più vecchia, dà meno problemi con lo SCORM su una piattaforma e-learning.

La nostra raccomandazione è di richiedere i pacchetti in formato SCORM 1.2 al fornitore.

Il campus virtuale non è ben progettato

Così come lo SCORM può fallire, anche la piattaforma di e-learning può fallire. Anche nell’onnipresente Moodle possiamo incontrare problemi nel caricamento dei pacchetti SCORM. Infatti, Moodle ha smesso di accettare e supportare lo SCORM 2004, e per farli funzionare è necessario installare e configurare plugin di terze parti.

Problemi di creazione di contenuti SCORM. Studio di caso

Negli ultimi mesi, diverse volte un cliente ha contattato il nostro team di assistenza perché uno SCORM non funziona correttamente. È visibile sullo schermo, ma la nostra piattaforma evolCampus non segna l’attività come completata e/o non raccoglie la nota.

Dopo aver esaminato la comunicazione tra la piattaforma e lo SCORM, abbiamo scoperto che lo SCORM non passa alcun valore (parametro) alla piattaforma, quindi non può salvare nulla. E quando lo si chiede al cliente, il risultato è quasi sempre: l’abbiamo fatto noi.

Uno SCORM non è un PowerPoint

Indipendentemente dallo strumento utilizzato per creare il file SCORM, occorre tenere presente che lo SCORM è un protocollo. Questo file può contenere testo, immagini, video, ma deve anche avere alcune azioni programmate per funzionare correttamente.

La potenza dello SCORM sta proprio nel fatto che la piattaforma su cui viene caricato non deve preoccuparsi o sapere cosa contiene. Lo SCORM deve comunicare il risultato dell’esecuzione alla piattaforma, un risultato che deve essere programmato.

Se non programmiamo nulla, la piattaforma non sarà a conoscenza di ciò che è accaduto all’interno dello SCORM. Si limita a visualizzare il contenuto, ma non ricevendo alcun dato, non salva nulla (note, tempi finiti…).

Quindi, ad esempio, quando creiamo uno SCORM con diverse diapositive, se vogliamo che la piattaforma di e-learning sia in grado di contrassegnare l’attività come completata, sull’ultima diapositiva dobbiamo programmare un evento di completamento. Cioè, specificare che quando lo SCORM arriva lì, comunica uno stato di “completato”.

Allo stesso modo, se lo SCORM contiene un esercizio, deve essere programmato in modo da indicare alla piattaforma il voto massimo (per sapere a quanto ammonta il punteggio dell’esercizio) e il voto ottenuto. Se questo non viene programmato, è come se non ci fosse un esercizio per la piattaforma.

Potremmo anche complicare ulteriormente la programmazione, con le espressioni condizionali. Ad esempio, lo SCORM non dà l’attività come conclusa se il voto non è superiore a quello specificato.

Esistono numerosi strumenti di editing o di authoring che ci aiuteranno a programmare, in modo da poterlo fare visivamente e senza codice. Questo rende la vita molto più facile a chi non ha conoscenze di programmazione, ma non significa che la persona che crea lo SCORM non abbia una conoscenza minima del protocollo, degli eventi e delle variabili che devono essere comunicate per ottenere il massimo da esso.

Se siete curiosi di sapere quali informazioni potete programmare e trasmettere alla piattaforma di formazione, date un’occhiata alla documentazione ufficiale.

Con questo intendiamo dire che stiamo incontrando molte aziende che non conoscono a fondo il formato SCORM e che lo trattano come se fosse una presentazione di PowerPoint. E Scorm non è una serie di diapositive con contenuti. È molto di più.

Perché voglio uno SCORM?

Data la difficoltà di addentrarsi in un terreno che probabilmente non conosciamo, la prima domanda da porsi è se abbiamo bisogno che il contenuto sia SCORM.

Se avete bisogno di contenuti esterni, probabilmente sarete obbligati a ottenerli dal fornitore in formato SCORM, che è il più standard. Anche lo SCORM dei fornitori può causare problemi, anche se i permessi di accesso o di navigazione sono più frequenti dei problemi di programmazione di base, ai quali sono molto abituati.

Ma se il contenuto è vostro, considerate che potrebbe non esserci un motivo oggettivo per fare i corsi in un formato che potrebbe complicarvi la vita.

Abbiamo visto che la convinzione che i contenuti debbano essere in SCORM è piuttosto diffusa. Non è questo il caso. Lo SCORM viene utilizzato per far sì che lo stesso contenuto possa funzionare su piattaforme diverse, il che è irrilevante se non si intende lavorare su diversi campus virtuali.

Esistono piattaforme di e-learning, come evolCampus, dove è possibile creare tutti i tipi di contenuti, senza dover essere SCORM: formato pagina web, PDF, presentazione, test, video, audio, ecc.

Mentre vengono prodotti e caricati sulla piattaforma stessa:

D’altra parte, non sarà esportabile su un’altra piattaforma, ma avrete comunque tutti i file (testi, video, audio…) su cui si basa ogni attività. In questo modo, sarà sufficiente configurarli in base alle caratteristiche della piattaforma.

Il nostro consiglio è che se avete pochi corsi, che non richiedono complessità o caratteristiche speciali, cercate di crearli dall’LMS stesso, se questo è possibile e facile da fare.

Problemi SCORM con contenuti in formato Flash

Se parliamo di SCORM, non possiamo fare a meno di menzionare FLASH, la tecnologia più utilizzata per sviluppare contenuti e poi confezionarli in SCORM.

Contenuti Flash su piattaforma e-learning

Che cos’è Flash? È difficile da spiegare se non si vuole entrare nel merito delle questioni tecniche. Anche se sono sicuro che vi ricorderete di una volta in cui avete ricevuto l’avviso “È necessario aggiornare Flash Player…”.

Flash è una tecnologia sviluppata da Adobe alcuni anni fa (1997) e utilizzata per rendere interattivo, dinamico e sorprendente un intero sito web o parte di esso.

Un tempo, ogni volta che si accedeva a molti siti web, c’era una presentazione con un piccolo cartello “salta l’introduzione” e dove i menu si muovevano con animazioni, o semplici giochini come tirare un rigore o catturare un’anatra.

Queste animazioni sono state realizzate con la tecnologia Flash. Perché la loro funzione era quella di dinamizzare, aggiungere contenuti, movimenti o immagini in modo abbastanza semplice, cosa che i browser o altre tecnologie non permettevano.

È stata una grande tecnologia per sviluppare contenuti di e-learning e renderli molto più piacevoli e sorprendenti per gli studenti. Molti, moltissimi contenuti sono stati sviluppati in Flash.

Qual è il problema se lo SCORM contiene flash?

Qual e il problema se lo SCORM contiene flash

Il problema è che Flash è morto.

Flash è stato sviluppato per essere visto principalmente all’interno dei browser (i Explorer, Firefox, Chrome, …). Tutti hanno permesso l’integrazione di questa tecnologia come parte integrante.

I problemi principali sono stati:

Lasciando molte porte aperte ad attacchi e truffe.

Le animazioni erano molto belle, ma consumavano gran parte delle risorse del computer, lasciandolo senza memoria per dedicarsi ad altri processi.

A nessuno piace essere associato o avere “all’interno” del proprio sistema qualcosa che viola la sicurezza dei propri utenti e che compromette le prestazioni dei propri computer. Per questo motivo, hanno gradualmente smesso di accettare questa tecnologia, facendo sì che i contenuti realizzati in Flash non possano essere visti (per impostazione predefinita) in quasi tutti i browser per desktop, cellulari o tablet.

Ci sono sempre modi per attivarlo e sono apparsi browser alternativi in cui Flash funziona. Questo perché molti contenuti, giochi e applicazioni utili sono stati sviluppati per Flash.

Che dire dello SCORM e cosa possiamo fare?

Gran parte di questi SCORM belli e gradevoli alla vista sono realizzati in tecnologia Flash. E i fornitori che sono sul mercato da molti anni hanno in catalogo molti corsi sviluppati con Flash.

Come abbiamo detto, lo SCORM è semplicemente un contenitore. In questi casi, la capacità visiva deriva dal fatto che lo SCORM contiene Flash.

Se utilizzate contenuti e-learning in Flash, dovrete spiegare ai vostri studenti che devono seguire i passaggi sopra descritti per attivare Flash o utilizzare browser alternativi. Ma questo non è sempre possibile da realizzare e può causare solo grattacapi quando si ha a che fare con studenti che non sono abbastanza competenti dal punto di vista tecnico per seguire questi passaggi.

In un prossimo futuro, vi illustreremo in dettaglio i punti che dovreste chiedere al vostro fornitore di contenuti (questo vale anche se lo fate da soli).

Tra questi, assicurarsi che NON siano in formato Flash.

Cosa chiedere a un fornitore di contenuti e-learning: risolvete i vostri problemi!

Cosa chiedere a un fornitore di contenuti elearning

Vediamo alcuni aspetti da considerare quando si ordinano o si acquistano contenuti SCORM o anche se si intende realizzarli da soli.

Ci concentreremo sulla parte tecnica e meno visibile.

Tecnología flash

Chiede se gli SCORM sono realizzati con Flash.

In tal caso, questi contenuti non saranno visualizzati sui dispositivi mobili, a meno che non obblighiamo i nostri studenti a utilizzare browser specifici e poco conosciuti. E non solo sui dispositivi mobili, anche la maggior parte dei browser desktop non supporta più questo formato.

I contenuti devono essere realizzati in HTML5.

Los contenidos deben estar realizados en HTML5.

Permessi

Verificare che gli SCORM siano visualizzati correttamente sulla propria piattaforma e che non vi siano problemi di autorizzazioni. È comune che per far funzionare lo SCORM sulla piattaforma siano necessari diversi test e comunicazioni tra l’azienda che lo sviluppa e quella che gestisce la piattaforma.

Assicuratevi che, in questo caso, il servizio che riceverete sia adatto a voi.

Controllo del tempo

Nel caso di formazione programmata (ex Tripartita) questo punto è fondamentale, perché non rispettarlo può avere gravi conseguenze in caso di ispezione.

Ci sono fattori legati alle mancanze di registrazione del tempo che possono creare problemi (con SCORM) su una piattaforma di e-learning.

Eseguire test sufficienti per garantire che il registro funzioni e sia sufficientemente accurato.

Funzionamento di MultiSCO

MultiSCO è un formato SCORM in cui un singolo file SCORM contiene più oggetti didattici.

Questo formato non è riconosciuto da tutte le piattaforme e anche quando è supportato può causare problemi.

Se gli SCORM forniti dal fornitore sono in questo formato, dobbiamo verificare che tutto funzioni correttamente.

evolCampus, ad esempio, consente di caricare senza problemi i contenuti MultiSCO.

Versione SCORM

Come già detto, la nostra raccomandazione è di utilizzare lo SCORM 1.2 e di evitare, se non assolutamente necessario, la versione SCORM 2004.

Attività valutabili

È logico che alcune o molte delle attività SCORM del corso debbano essere valutabili.

Per impostazione predefinita, segnaliamo se un’attività è stata superata o meno. Lo standard SCORM, invece, ci permette di impostare il voto massimo, il voto minimo e di restituire un valore numerico con il voto, invece di un semplice passa o non passa.

Si raccomanda che le attività valutabili riportino un valore numerico, impostando i valori corrispondenti durante lo sviluppo del pacchetto SCORM.

Elementi di contenuto SCORM

I contenuti SCORM sono talvolta sviluppati con una navigazione e dei menu propri.

Di solito non è una buona idea.

La piattaforma su cui verrà caricato lo SCORM avrà generalmente un proprio menu e una propria navigazione tra i contenuti e gli altri strumenti (forum, messaggistica, chat, ecc.), che sono noti allo studente. Quando si carica il contenuto SCORM all’interno del campus virtuale, il discente può vedere un doppio menu di navigazione. Questo è piuttosto sconcertante e può portare al caos.

Come per il menu di navigazione, è possibile includere elementi come la percentuale di completamento e il tempo trascorso. Tutti questi aspetti sono specifici della piattaforma virtuale e non del contenuto in sé.

A questo punto, il nostro consiglio è di non includere nei contenuti elementi che dovrebbero essere controllati dalla piattaforma di e-learning. Questo porta a una confusione e a una mancata corrispondenza dei dati tra ciò che viene mostrato sulla piattaforma e ciò che appare nei contenuti.

Pensate ai dispositivi mobili e alle diverse dimensioni dello schermo.

Pensate ai dispositivi mobili e alle diverse dimensioni dello schermo

Qualche anno fa non potevamo fare molto con i nostri telefoni cellulari e i monitor che usavamo erano di dimensioni simili (due pollici dall’alto verso il basso).

Ma la situazione è cambiata. Ogni giorno utilizziamo sempre di più i nostri dispositivi mobili e i monitor dei nostri computer sono sempre più grandi.

Per questo motivo, sono state messe a punto diverse tecniche per consentire ai contenuti Web di adattarsi alle dimensioni dello schermo su cui vengono visualizzati.

Assicuratevi che il contenuto da sviluppare utilizzi queste tecniche (responsive) in modo da poter essere visualizzato correttamente su qualsiasi dispositivo, o almeno sulla maggior parte di essi.

Questi sono alcuni dei punti che riteniamo più importanti e che spesso vengono dimenticati o ignorati quando si commissionano o si realizzano contenuti di e-learning.

In conclusione…

Anche se in questo articolo abbiamo evidenziato i problemi per cui lo SCORM non funziona, non è comune che si verifichino. Se il pacchetto non è complesso, è ben sviluppato e la piattaforma di e-learning è pronta, come evolCampus, non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Condividi se pensi che possa piacere a qualcuno

Potresti essere interessati a...

La funzione del docente di e-learning

Le funzione del docente di e-learning sono, tra le altre, la guida del discente, la moderazione e la dinamizzazione. Date un’occhiata e diventate i migliori!

Iniziate a erogare formazione online con la migliore piattaforma LMS

Il sistema più semplice con tutto il necessario